Expert meeting Greenlight 2020

Il 16 aprile si terrà a Firenze un importante incontro medico che riunirà 80/100 fra i maggiori urologi italiani.

La tecnologia medica di cui si parlerà è quella del laser verde, una delle soluzioni terapeutiche più innovative per il trattamento dell’ipertrofia prostatica che consente di trattare questa patologia senza ricorrere alla chirurgia tradizionale. L’ipertrofia prostatica è stata diagnosticata nel 2018 a oltre 7 MILIONI di uomini italiani, molti under 50.

I lavori saranno presieduti dal Professor Marco Carini  (Responsabile della S.O.D. Urologia I dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi); Dal Professor Sergio Serni ( Professore Ordinario nella Facoltà di Medicina e Chirurgia di Firenze . I direttori scientifici saranno Il Dott. Agostino Tuccio  ( Dirigente Medico di I livello di Urologia e Chirurgia Andrologica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi di Firenze) e il Dott. RINO ORITI (Responsabile dell’Unita’ Operativa di Urologia della Casa Di Cura Cappellani Giomi di Messina e dal 2014 dell’Istituto Fiorentino di Cura e Assistenza)

Share

VI Tutor Meeting Green Laser: definiti clinicamente gli standard di tecnica e gli studi clinici futuri

Il 6/7 Settembre a Firenze si è tenuto il VI Tutor Meeting Green Laser. All’evento, che si è svolto presso l’Istituto Fiorentino di Cura e Assistenza (IFCA), centro affiliato UrOP (Urologi Ospedalità Gestione Privata) hanno partecipato i Tutor Green Laser Italia Giovanni Ferrari, Lorenzo Ruggera, Luca Cindolo, Gaetano De Rienzo, Claudio Dadone e Rino Oriti -, gli specialisti che si occupano della formazione dei colleghi urologi che vogliono apprendere l’utilizzo della tecnica GreenLight Laser per la cura dell’ipertrofia prostatica benigna.

Durante l’evento, i partecipanti hanno potuto migliorare le loro conoscenze e competenze, scambiandosi informazioni su interventi eseguiti, risultati raggiunti e modalità d’utilizzo delle diverse procedure usate per trattare prostate di diversa dimensione.
Sono stati anche definiti clinicamente gli standard di tecnica e impostati gli studi clinici futuri. I Tutor hanno inoltre pianificato la divulgazione sul territorio della metodica Green Laser e delle 4 tecniche chirurgiche, facilmente apprendibili da tutti gli urologi, utilizzate per curare pazienti con la prostata ingrossata.

A queste attività di carattere teorico si sono affiancate esperienze di condivisione dei saperi molto pratiche, realizzate in sala operatoria. Ogni Tutor ha infatti eseguito un intervento Green Laser, mentre i colleghi assistevano alla sua esecuzione. Un modo concreto e immediato per fa sì che tutti imparino da tutti.

L’obiettivo è di standardizzare la tecnica e allargarne la diffusione, perché il Green Laser dà molti vantaggi sia al paziente, sia all’operatore. Basti dire che il trattamento è poco invasivo, non produce sanguinamento, né impotenza né incontinenza urinaria e chiede una degenza breve (24-48 max).

Il Tutor Meeting Green Laser è stato anche il momento nel quale è stata ufficializzata la nascita di ISLA – Italian Surgeon Of Laser Association – associazione senza scopo di lucro, fondata dai Tutor Green Laser Italia, che persegue finalità di ricerca scientifica e clinica in campo urologico.

Share